DIALOGO ISLAMO CRISTIANO

CONOSCERSI PER CONVIVERE E COSTRUIRE LA PACE

 

HOME   ARTICOLI   RIFLESSIONI   CONTATTI


 

Un gesto di coraggio

 

I miei amici musulmani attingono la loro fede dal corano, dalle prediche, dal loro sforzo personale e dall’ambiente dove vivono. I terroristi “jihadisti” attingono anche loro alle stesse fonti, corano prediche ed incitamenti a vivere il”vero islam”. Pertanto i gesti coraggiosi che mi sento di chiedere ai musulmani tutti, Ŕ una condanna espressa con maggiore determinazione soprattutto dalla societÓ civile, dai movimenti religiosi e dal vasto mondo delle moschee.

A mio parere il terrorismo pu˛ essere sconfitto attraverso il sostegno della maggioranza dei musulmani che amano la pace e che condannano il terrorismo. Soltanto cosi potrebbe avvenire un processo di prosciugamento dei tanti bacini dove nascono e si sviluppano le idee di un islam radicale e violento e si alimentano odi e risentimenti nei confronti di un Occidente nemico e colonizzatore.
E auspicabile i musulmani italiani o residenti in Italia accettino le diversitÓ religiose e di genere, aspirino a costruire insieme alla societÓ civile le basi per creare un partenariato a lungo termine nel pieno rispetto della costituzione italiana senza preclusioni.

 

Samir Eid Raccolte

Intendono fornire gli strumenti per una inclusione sociale del flusso migratorio, gettare una luce sui diritti umani e la condizione di vita dei cristiani nel mondo islamico da cui proviene l'autore.La conoscenza dell’altro, delle diversità culturali e religiose sono ingredienti primari per creare la pace nei cuori degli uomini ovunque, premessa per una serena convivenza e convinta cittadinanza sul territorio.